Mancini si riprende lo scettro

06/06/2013

Andrea Mancini si laurea campione italiano Raid TT 2013 dopo una bella battaglia con Alessandro Botturi. Terzo gradino del podio per Paolo Ceci.

Con l’arrivo a San Teodoro si è concluso ieri il Sardegna Rally Race, terza prova del Mondiale Cross Country. La gara organizzata da Bikevillage era anche valida per il Campionato Italiano Raid TT, con le tre ultime giornate del Mondiale che costituivano altrettante opportunità per conquistare i punti validi per il campionato nazionale.

Con due vittorie ed un secondo posto nelle tre giornate Andrea Mancini si è laureato campione italiano assoluto 2013, riprendendosi lo scettro che aveva lasciato lo scorso anno nelle mani di Alessandro Botturi. Il bresciano si è giocato anche una possibile vittoria nel mondiale nella penultima tappa, quando è rimasto senza benzina a 800 metri dalla fine della speciale. Gli resta la soddisfazione di aver battagliato per tutti i 1600 chilometri della gara sarda, contendendo la vittoria Mondiale a Marc Coma. Mancini invece aveva iniziato il mondiale con qualche problema, ma le tre tappe dell’Italiano le ha corse ad altissimo livello, riportando la sua Beta alla vittoria assoluta.

Terza posizione in campionato per Paolo Ceci, che anche nel Campionato Motorally è il più accreditato antagonista di Mancini e Botturi. Due secondi e un quarto posto per il modenese, che nell’ultima tappa è stato rallentato da problemi alla mousse e al road-book. Alle spalle di Ceci hanno concluso Luca Vecchi, la sorpresa di questa stagione e Filippo Ciotti.

Mancini si è naturalmente laureato campione anche nella classe RT2, mentre Paolo Pettinari ha vinto la RT1 e Luca Vecchi la RT2.

Perseguitato dalla sfortuna Glauco Ciarpaglini: rientrato alle gare dopo il brutto incidente in Marocco lo scorso anno, il toscano ha fatto un frontale con un altro pilota nella seconda tappa, dovendosi ritirare.


Download 277,0 KB